Politica

Ballottaggi: il centrosinistra si riconferma a Milano e a Bologna, ma perde i pezzi un po’ ovunque. Roma e Torino sono le ferite più dolorose

«Se Grillo vuol far politica, fondi un partito, metta in piedi un’organizzazione, si presenti alle elezioni, vediamo quanti voti prende. E perché non lo fa?» Dichiarazioni che stanno facendo il giro del web. E qualcuno starà forse rimpiangendo certe asserzioni rilasciate all’intervista di Massimo Giannini nel 2009 nelle reti di Repubblica Tv; e quel qualcuno è proprio il sindaco uscente di Torino, Piero Fassino. Dal risultato dei ballottaggi, infatti, il vero trionfo lo ha ottenuto il Movimento 5 Stelle, il partito di Grillo, che con la candidatura a sindaco della Capitale di Virginia Raggi e a Torino, roccaforte della sinistra, di Chiara Appendino, il Pd non può che dire di aver raccattato bastonate e adesso non gli resta che leccarsi le ferite.

Dopo i risultati usciti dai ballottaggi di domenica 19 giugno il partito vincitore è stato il Movimento 5 Stelle, aggiudicandosi 19 comini su 20 ai quali si era presentato e quello perdente è il partito di Matteo Renzi, che è riuscito a farsi soffiare alcuni comuni già suoi anche dal centrodestra.

È probabile che il Partito Democratico abbia molte cose da rivedere al proprio interno. Forse ci sarebbero molte cose da rifare. I risultati elettorali delle amministrative hanno dato una secca e chiara risposta sull’operato del Governo, nonostante il premier Renzi voglia limitare i danni affermando che il voto è sintomo più di cambiamento che di protesta. Il popolo chiede invece più cose al Governo, più occupazione, più lavoro, più soldi alle famiglie italiane, meno tasse, meno criminalità e meno delinquenza.

Il risultato di Roma è stato quello più massacrante per il centrosinistra, perché se pure era data quasi per scontata la vittoria della candidata Virginia Raggi, nessuno avrebbe immaginato che le preferenze elettorali a suo favore avrebbero raddoppiato quelle dell’altro candidato sindaco, Roberto Giachetti.

La situazione per Roberto Giachetti non era delle più facili. Dopo l’esperienza capitolina di Ignazio Marino terminata con le dimissioni da sindaco nell’ottobre 2015 per una serie di episodi che lo hanno messo al centro di molte inchieste, il caso di Mafia Capitale che sembra aver coinvolto anche alcuni membri della sua giunta, la città di Roma lasciata nel degrado urbano sommersa dai rifiuti, il candidato sindaco del PD sì è ritrovato per le mani un’eredità non facile da gestire, ma soprattutto che ha portato allo smarrimento più completo gli elettori del suo Partito. Non era perciò semplice riprendere in mano la situazione e vendere fiducia. Roberto Giachetti ha comunque avuto il coraggio di metterci la faccia.

Diversamente la situazione va vista a Torino, dove Piero Fassino è stato costretto a lasciare l’aula, come vediamo in qualche immagine, con la coda fra le gambe a vantaggio della 32enne Chiara Appendino. Questo è stato forse un risultato meno atteso, soprattutto da parte della coalizione uscente.

Le dichiarazioni rilasciate del neo sindaco capitolino sono state che è un dato storico che a Roma per la prima volta è stato eletto sindaco una donna e che cercherà di essere il sindaco di tutti, anche di chi non l’ha votata.

Solita dichiarazione, nei confronti dei cittadini, l’ha fatta il sindaco di Torino, Chiara Appendino, promettendo pure lei che sarà il sindaco del popolo.

L’esultanza del leader del Movimento 5 Stelle è stata persino comica, se vogliamo, consapevole dei risultati ottenuti si è affacciato dalla finestra dell’albergo in cui alloggiava con le braccia slanciate verso l’alto e arrecando appresso un oggetto. Quando poi si è abbassato al di sotto della soglia della finestra ha sollevato quell’oggetto. Si trattava di un appendino per abiti, in esultanza al neo sindaco di Torino. Un video anche questo che ha fatto il giro dei canali televisivi e del web.

 

Roberto Fiordi

Aggiungi commento

Clicca qui per inserire un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gemini World Menu