Cronaca Dal Mondo Diritti civili Politica Salute Storia

Il lato oscuro di Madre Teresa di Calcutta che i media ci hanno sempre nascosto

Da tempo alcuni giornalisti di rilievo nella stampa anglosassone hanno cominciato ad indagare su Madre Teresa di Calcutta. Ciò che hanno scoperto è sconcertante.

Sono stati raccolti documenti, condotte inchieste, registrate testimonianze, eseguite indagini e più si scavava nell’attività realmente svolta da Madre Teresa e più la missionaria appariva come un personaggio ambiguo, bigotto, ipocrita, fondamentalista.

 La suorina albanese era interessata solo a promuovere i suoi disumani principi dottrinali sugli sventurati moribondi che finivano nel suo ospizio, destinati a non uscirne più, e a morire nella sofferenza, giacché la missionaria non permetteva l’uso di antidolorifici… “il dolore avvicina a Gesù!”

E mentre a Calcutta altre organizzazioni umanitarie portavano benefici reali alla popolazione, costruendoMadre-Teresa-di-Calcutta-10 veri ospedali, Madre Teresa pensava solo a costruire la sua fama mondiale di brava suora, e con la sua visibile capacità mediatica e ciarlatana, rimbalzava da una parte all’altra del mondo su aerei di prima classe, per presenziare cerimonie, ricevere premi, fare comizi e partecipare a campagne politiche.

 I soldi raccolti da Madre Teresa sono stati  moltissimi e in larga parte sono finiti, per volere della grande benefattrice dei poverelli, nelle casse del Vaticano, altri  ad uso proprio e il resto nella costruzione di conventi di missionari.

Altro che carità !!! Madre Teresa fu soprattutto una macchina mangiasoldi !!!

Tutti questi fatti, rigorosamente documentati, stanno sfondando la muraglia di santità costruita attorno alla missionaria.

 “NELL’OSPEDALE DI MADRE TERESA A CALCUTTA, DI FATTO, VARCATE QUELLE MURA LA GENTE MORIVA SENZA CURE MEDICHE E MEDICINE.”

madre_teresa-_nirmal_hridayLinda Polman giornalista olandese, nel suo libro inchiesta “L’industria della solidarietà”, denuncia molte Ong cattoliche che usano il ricatto religioso: cibo in cambio di abiura di proprie convinzioni religiose e conversione al cattolicesimo. Fra questi “aiuti umanitari” spicca il caso della famigerata “Madre Teresa di Calcutta”.

Scrive la Polman:

«Ero a Calcutta quando era ancora viva e gestiva un ospedale. Circondato da mura altissime, era il terrore per i bambini che si sentivano dire: “guarda che se non stai buono viene Madre Teresa e ti porta via”. Di fatto, denuncia la giornalista, varcate quelle mura, la gente moriva senza cure mediche e medicine. ( …) I finanziamenti che riceveva di cifre ingenti non li spendeva per l’ospedale ma li accumulava sul proprio conto».

Ci sono testimonianze di fotoreporter che hanno visto “l’ospedale” di Madre Teresa.

 Queste persone hanno visto e documentato cose terribili: “l’ospedale non è altro che un ospedali-calcutta-duemagazzino umido, con lettini messi in fila sui quali giacciono larve umane in attesa di morire, senza cure, senza assistenza, nella totale indifferenza, e le suore a volte passano solo per fare iniezioni usando la stessa siringa per diverse persone, i pochi servizi igienici non sono altro che sudice latrine”

 Madre Teresa era solita ripetere che il dolore unisce a Dio, però quando stava male lei, si curava in lussuosi ospedali americani e i fondi che raggranellava durante i suoi viaggi promozionali servivano anche per riposarsi in sfarzosi hotel.

Anche Christopher Hitchens nelle prime righe del suo libro “La posizione della missionaria” con video, mostra Madre Teresa che dice a un moribondo «Stai soffrendo come Cristo in croce, di sicuro Gesù ti sta baciando! », e lui le risponde «Per favore digli di smettere di baciarmi ».

Fatto emblematico che descrive meglio di ogni altro la vera natura di Madre Teresa di Calcutta, una donna arida e scaltra.motherterry

Tra i suoi sostenitori troviamo il feroce ex dittatore haitiano Duvalier noto come «Baby doc»
E negli ultimi tempi molti hanno considerato la brava suorina, allo stesso modo di una pericolosa criminale.

 Anjeza Gonxhe Bojaxhiu, in arte Madre Teresa diceva che si doveva cercare la redenzione dei peccati attraverso il dolore fisico, e lasciva morire senza cure i malcapitati che entravano nei lazzaretti di manzoniana memoria.

La suora albanese, premio Nobel per la pace nel 1979, non ha mai aperto un vero ospedale.

I malati non venivano curati ma ci si ‘prendeva cura di loro’ nel senso che venivano considerati, tutti, come malati terminali.

Il compito della missionaria era quella di spedire più in fretta possibile le anime dei malcapitati, nel regno dei cieli dopo essersi purificati attraverso il dolore che la suora procurava loro con un eccezionale zelo religioso.

E così i Papi, volendosela togliere velocemente  dalle scatole, hanno pensato bene di beatificarla e santificarla nel minor tempo possibile, questa volta però, i furbacchioni non hanno fatto i  conti con internet …

Nicole Dark

Varie fonti

Nicole Dark

Autrice di " L'ospite silenzioso" in tutti i negozi ebook " Il giardino di Milde" su Amazon e 5 thriller inediti.

Aggiungi commento

Clicca qui per inserire un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gemini World Menu